Archive for October, 2006

Google’s Internal Company Goals

October 27th, 2006

Via Blog Outer Court si viene a conoscenza di un documento interno di Google in cui si parla degli obiettivi aziendali per il 2006.

Interessante vedere su carta alcuni dei processi che portano alla produzione delle iniziative e delle features dei nuovi prodotti.

Segnalazione anche su Motoricerca.

16 domande che forse avete dimenticato di farvi

October 23rd, 2006

Ecco una lista di 16 domande che forse avete dimenticato di porvi quando avete costruito il sito web per la vostra azienda, e che il management, il marketing aziendale si dovrebbero porre.

(libera versione dall’inglese – via Stuntdubl Business Search Marketing Consulting)

Perchè continuate a riadattare e riottimizzare, e lavorare al sito sembra una continua rincorsa? Probabilmente il vostro CEO (o gli altri decision maker) non si sono fatti le domande giuste. Avete bisogno di sapere come costruire e promuovere un sito dalla nascita al successo. Immaginate la vostra presenza sul web come la vorreste. Lavorate a ritroso e applicate questi principi attraverso i vari ostacoli (di tempo, budget, technology legacy, personale e di ego) che si incontrano durante le diverse fasi.

Esiste ovviamente una grande differenza tra un sito ideale costruito in una campana di vetro, con un budget illimitato e nessuna competizione, e un sito creato nel mondo “reale”.

Queste sono le domande che il vostro CEO potrebbe aver dimenticato di fare. Fate in modo che vengano fatte. Se comprendete il concetto di sito IDEALE e il valore di ciascun elemento che deve essere inserito, potrete capire come bilanciare le risorse economiche ed il tempo a disposizione per ottenere il ROI massimo sul progetto e abbattere i normali ostacoli che ogni azienda deve affrontare.

1. ABBIAMO UN DOMINIO CHE POSSA DIVENTARE UN BRAND?
Attraverso un dominio che può diventare un marchio, una volta raggiunta la massa critica iniziale, avrete ancora margine per fare un salto ulteriore. Fissate un punto nella mente del vostro utente potenziale, e la comunicazione tradizionale continuerà a lavorare per voi. Come si dice, è meno caro mantenere un utente che conquistarne uno nuovo. E’ facile perdere utenti con i .net, domini con trattini e refusi etc. poichè sarà per loro molto difficile ricordare il nome ed il corretto indirizzo del vostro sito.

2. CHI PUO’ ESSERE AFFIDABILE COME PROVIDER?
E’ inutile avere un buon progetto di marketing se poi non ci si rivolge ad un provider affidabile. Almeno programmate la possibilità di crescere in caso di necessità. Non sapete quante grandi idee di marketing sono state distrutte dall’aver voluto risparmiare qualcosa su elementi “non core” come un buon servizio di hosting.

» Read more: 16 domande che forse avete dimenticato di farvi

Corporate Blogs, Business Blogs etc.

October 17th, 2006

Un argomento decisamente caldo, anche alla luce dell’evento di Edelman e Technorati di settimana scorsa (di cui ben ha “discettato” Massimo), è quello di Blog ed Aziende.

Qualcuno dice anche Web2.0 e Aziende.

Parlando di corporate blogs, credo ci sia da fare qualche distinzione di tipologie:

  • corporate blogs
  • business blogs
  • ceo blogs
  • etc. blogs :-)

Ciascuna di queste tipologie presenta le proprie caratteristiche distintive, ed è adatto a certe aziende ed a certi obiettivi di marketing o di comunicazione. Ognuna di esse presenta anche dei “contro” corrispondenti, come ad esempio il rischio che il corporate blog diventi un “customer service point”.

Perchè un corporate blog sia “ben fatto”, a mio modo di vedere, ci sono alcuni punti chiave da osservare:

  • tono e stile adatto al brand
  • oculata gestione dei commenti
  • periodicità costante dei post
  • evitare flame e simili
  • iniziare a dare qualche briciola preferenziale al canale.

L’ultimo punto significa che se deve diventare un canale preferenziale, occorre iniziare a dare peso allo strumento veicolandoci alcuni contenuti in modo esclusivo.

Di corporate blogs e simili parla, sempre con grande puntualità e chiarezza Mauro, qui, qui e qui.

Interessante è anche l’interazione dell’attività di corporate blogging con l’insieme delle iniziative di visibilità on-line ed in particolare sui motori di ricerca; Salvatore e Paola hanno ad esempio evidenziato su SEOTalk come il Blog aziendale possa essere anche un eccellente strumento per generare link popularity, in virtù dell’interconnessione naturale della blogosfera.

Nuova Interfaccia di AdWords

October 6th, 2006

Beh proprio nuovissima in realtà non è…

Purtroppo come capita sempre sul web, non appena il libro è stato mandato alle stampe, Google ha deciso di introdurre alcune modifiche importanti alla interfaccia di AdWords.

La cosa più interessante, dopo alcuni mesi di esperienza, direi che è la navigazione all’interno dei singoli AdGroups tramite “tab”; in sostanza è possibile cambiare visuale su “keywords”, “annunci” e “overview” (con split content vs search) con un semplice click su tab, una modalità più ricca e molto più 2.0.

Vedi un esempio della nuova interfaccia.

Per la maggior parte delle campagne, questo consente per esempio, rispetto alle versioni precedenti, di confrontare “al volo” il tasso di conversione, i costi per lead risultanti dalle diverse creatività, così da poter operare questo tipo di analisi in modo più veloce e meno “formale” direttamente da pannello e senza bisogno di stampare report.

C’è da dire che i dati sono presenti ad esempio, ma a mio modo di vedere in maniera meno usabile, anche su AdWords Editor, sempre in beta ma rilasciato al pubblico e non solo a pochi inserzionisti selezionati.

AdWords Editor

Review su AdWords Editor sono state fatte su: